TONY PAGLIUCA TRIO – TOUR ESTATE 2019

Tony Pagliuca è un nome ben noto agli appassionati del rock, per essere stato l’organista-tastierista de “Le Orme” fino al 1992 e poi protagonista di una originale e brillante carriera solista. Più di 70 anni di vita, praticamente vissuta tutta di musica. Nei quasi 25 anni con Le Orme (1968-1992) è stato autore o coautore (parole e musica) di tredici LP e di ventidue singoli; la sua presenza nel gruppo si è caratterizzata ovviamente per il suo ruolo storico di tastierista e organista. Uno dei loro album Felona e Sorona è stato pubblicato in versione inglese (testi di Peter Hammill dei Van Der Graaf Generator) con relativo tour negli UK. Nella sua carriera con Le Orme ha scritto indelebilmente la storia del rock progressive e della musica italiana: 13 Album, di cui 2 dischi d’oro, 2 edizioni di Sanremo, oltre un milione di copie vendute e concerti in tutto il mondo. Oltre al rock progressive (di cui Pagliuca come organista e tastierista è una figura di riferimento anche a livello internazionale, essendo stato tra l’altro anche il primo utilizzatore del Moog in Italia) si destreggiarono in un’eclettica attività artistica tra beat, pop e musica da camera, per essere uno dei gruppi più originali del panorama musicale.

Nel 1992 Pagliuca ha poi intrapreso la carriera solista, per continuare la ricerca e sperimentazione musicale. Ha quindi riarrangiato i successi de Le Orme dapprima in chiave jazz (cd Re-Collage) con il quintetto di Massimo Donà e con David Jackson (ex Van Der Graaf Generator) .  Nel 2007 Pagliuca è alla svolta decisiva della sua fortunatissima carriera: l’incontro con il giovane Giovanni Allevi, lo incoraggia a ripresentare con nuovo vigore il suo sogno: il ritorno alla musica New Classic. Ecco che rilegge al pianoforte, con il cd APRES MIDI (Ormeggiando) 12 brani de Le Orme. Così con il successivo “Canzoni d’amore” sempre per piano solo.

Nella propria carriera solistica ha pubblicato dischi di musica o tematica sacra “La notte della stella” la più famosa “Messa di Natale” (1999), ha scritto e rappresentato l’opera teatrale “In nome Della Madre” tratta dal libro di E.De Luca (2010), è stato tra gli autori di “Wake Up” il disco di Papa Francesco, uscito in tutto il mondo (2014), ed è stato coautore con V.Ussardi di “Decine”, orchestrazione della preghiera più antica e popolare: il Rosario (2016).

Si è anche esibito in tappe del tour della parziale reunion denominata “Prog Exhibition” con Tagliapietra e Marton, ed ospite David Cross (King Crimson) (2010)

Ha suonato inoltre in carriera con Hugh Hopper (Soft Machine), Chris Cutler (Henry Cow) Nic Potter (ex Van Der Graaf Generator), Patrizio Fariselli (ex Area), Francesco di Giacomo (Banco) e Bernardo Lanzetti (PFM, Extra).

Da alcuni anni, con il “Tony Pagliuca Trio” ripercorre, assieme ai figli, Emanuele (batteria) ed Alberto (chitarra, basso e voce), grandi musicisti  che si stanno affermando sulla scena nazionale, le tappe principali della sua ultra-cinquantennale carriera artistica.   Dalla rivoluzione rock progressive con Le Orme alle attività e sperimentazioni solistiche.
Serate speciali dove la potenza del Trio rock la fa da padrona (con il suono  dell’organo Hammond protagonista del rock anni ’70) alternato a canzoni e  magiche atmosfere.

Anche per l’estate 2019!

E’ l’occasione per i fans di riascoltare la musica più acclamata de Le Orme,ricordiamo alcuni successi quali “Gioco di bimba”, “Amico di ieri”, “Cemento armato” “Sguardo verso il cielo” “Senti l’estate che torna” “Collage” e tanti altri.  Ma anche di cogliere l’avanzata della nuova musica giovane, che si unisce, con rispetto, dentro al cuore di una storia che è il “Tony Pagliuca Trio”.